Instagram

La tua destinazione per

Percorso delle 17 Chiese
I Sentieri Del Gusto
Mare
Arte e Cultura
Archeologia
Indietro

EVENTI

L'evento si terrà dal 15/03/2016 al 15/03/2016


CARLO BUCCIROSSO IL 16 MARZO AL TEATRO POLITEAMA

Restano ancora pochi biglietti disponibili per il prossimo spettacolo in programma mercoledì 16 marzo, alle 21, al teatro Politeama, la commedia “Una famiglia quasi perfetta” con Carlo Buccirosso, attore, regista e commediografo napoletano noto per la sua lunga collaborazione con Vincenzo Salemme e per le diverse esperienze in tv e al cinema. Si può ridere pensando alle incongruenze della vita quotidiana? Ci si può divertire affrontando qualcuno dei temi più scottanti della nostra cronaca con la leggerezza della grande tradizione della commedia italiana? E allo stesso tempo si può invitare il pubblico a qualche agrodolce considerazione sul tempo in cui viviamo? Ci riesce Carlo Buccirosso mettendo in scena come autore, regista e strepitoso protagonista “Una famiglia quasi perfetta” affiancato da Rosalia Porcaro. In una piacevole e tranquilla villetta residenziale, una pacifica famigliola – lui affermato psicologo, le insoddisfatta casalinga – sembra vivere in apparente armonia assieme al loro figlioletto, adottato sin dall’età di sei anni, e che ora appare come principale punto di riferimento, fino a quando un giorno un inaspettato evento arriverà a turbare la pace della loro esistenza: il padre naturale dell’amato e coccolato pargolo che piomba nel tepore delle mura della casa a recriminare la paternità di suo figlio. “Sembra una normale vicenda  - spiega Buccirosso - legata alle difficoltà che l’adozione di un figlio a volte può arrecare, ma il disordine legislativo, la mancanza di una quotidiana tutela del cittadino, unite alla presunzione di convenienza che ormai regna nel nostro “bel paese”, e cioè che tutti siamo colpevoli di tutto, salvo prova contraria, porteranno gli eventi sul precipizio di una normale tragedia quotidiana, cui la nostra spietata battaglia esistenziale ci ha ormai tristemente abituati…”.